Alex James Muscat | Blueprint

Go To Artist Page

Recommended if You Like
Everclear Ryan Adams The Lemonheads

Album Links
Last Stop Records PassAlong Tradebit Audio Lunchbox MusicIsHere PayPlay Apple iTunes Bitmunk GreatIndieMusic GroupieTunes

More Artists From
United States - California - SF

Other Genres You Will Love
Rock: Classic Rock Rock: Folk Rock Moods: Solo Male Artist
Sell your music everywhere
There are no items in your wishlist.

Blueprint

by Alex James Muscat

Clever songs and passionate performances pull rock influences from singer/songwriters and alternative.
Genre: Rock: Classic Rock
Release Date: 

We'll ship when it's back in stock

Order now and we'll ship when it's back in stock, or enter your email below to be notified when it's back in stock.
Sign up for the CD Baby Newsletter
Your email address will not be sold for any reason.
Continue Shopping
just a few left.
order now!
Buy 2 or more of this title's physical copies and get 10% off
Share to Google +1

To listen to tracks you will need to update your browser to a recent version.

  Song Share Time Download
clip
1. Motordrive
2:14 $0.99
clip
2. Easy
3:03 $0.99
clip
3. Falldown
3:40 $0.99
clip
4. The Game
3:47 $0.99
clip
5. Old School
2:42 $0.99
clip
6. Address Book
3:42 $0.99
clip
7. Innocence
2:27 $0.99
clip
8. Down The Road
3:34 $0.99
clip
9. Earache #9
4:35 $0.99
clip
10. Under Ground
3:48 $0.99
clip
11. Free Society
2:49 $0.99
clip
12. Looking For You
4:33 $0.99
clip
13. Bittersweet
4:03 $0.99
clip
14. Make My Day
2:07 $0.99
Downloads are available as MP3-320 files.

ABOUT THIS ALBUM


Album Notes
After the split of Boston band Ten To Six, a new power pop trio was formed. SHRUG immediately had an identifiable pop/punk style but really never had the chance to develop. Alex abruptly split from the group in the middle of a stressful gig at the Boathouse on Lake Merced. "I just didn't want to do it anymore." Recalls Alex about playing shows, "So I spent the next few years working on dozen's of song demo's without the distraction of hauling gear around town and the day to day politics of being in an independent band."

At the time, Alex had a whole new batch of songs, many of which have gone unreleased and sit in the archives, but 14 of them made their way onto 1999's BLUEPRINT. A few years were spent toiling around the old basement studio on 32 Desmond street in the Visitation Valley area of San Francisco. Then setting up a short lived studio in Marin County, where final vocals and mixing were completed and the eventual release of BLUEPRINT in late 1999. With eager hopes Alex began talking with producers and independent A&R folks, who had expressed interest in shopping a demo to major labels, but after relocating to Los Angeles, the 'industries' thinking was, as Alex often tells it, "we'll take track #5 and Track #14, make a new demo and work the power-pop angle." Disappointment's aside, spending a year in Hollywood, working with former band mate, Crazy Town guitarist TROUBLE and local Ranchero act Los Primos, was time well spent. "The best thing for my music" says Alex "is to stay independent and make it the same way I always have. I just had to decide where."

Alex founded Last Stop Records in late 2000 to advocate San Francisco's independent music artists, resulting in a full time job as an engineer in the Last Stop Records Recording Studio.

Read more...

Reviews


to write a review

No Warning

SPAZIO DI MUSICA ALTERNATIVA
Devo ancora riuscire a capire perché noi Italiani riusciamo sempre (o quasi) a distinguerci in maniera negativa rispetto agli altri. Non si tratta di esterofilia, e voglio chiarire subito di cosa sto parlando. Io ricordo che, nel periodo della mia adolescenza (stiamo quindi parlando della fine degli anni ‘70 / inizio ’80), quando la presenza di gruppi stranieri sembrava essere stata bandita su tutto il territorio nazionale, spopolò il fenomeno cantautorale, che per il sottoscritto divenne un vero incubo. A distanza di anni mi capita ancora di ironizzare su quei personaggi, che un mio arguto conoscente ha chiamato “compagni … di merende”, canticchiando un motivo del tipo “Evo un opevaio che andava a lavovave alla Fiat” con l’accompagnamento di due accordi in croce “zappati” su una chitarra scordata, ma al di là delle facili ironie su simili individui che si sono fatti una fortuna approfittando del vuoto lasciato dai musicisti stranieri per un lungo periodo, ancora una volta il passare del tempo (grande consigliere) mi ha dato modo di fare delle riflessioni. Quella che pensavo essere una figura tipicamente Italiana (il cantautore) è invece sempre esistita ed è ancora esistente anche all’estero (il songwriter). Qualcuno in questo momento potrà pensare “Beh, se tu sei ignorante che colpa ne abbiamo noi”, e non avrebbe nemmeno tutti i torti, ma ammetterete che in quel periodo un ragazzino che non avesse un fratello maggiore o un amico più grandicello preparato in materia, sotto il bombardamento radiofonico che propinava solo Dalla, De Gregori, De Andrè e compagnia bella ben difficilmente poteva formarsi musicalmente. Solo con il passare degli anni i nomi di Bob Dylan, Cat Stevens, Tim Buckley, Nick Drake, Roy Harper hanno acquistato un significato, e soprattutto mi hanno fatto capire la natura dell’anomalia Italica : un sostanziale vuoto compositivo e strumentale, mascherato da un impegno di facciata che permetteva a chiunque di cantare storielle di vario tipo strimpellando pochi accordi su una chitarra. Nel periodo a cui facevo riferimento in precedenza, mentre all’estero i nuovi linguaggi del punk e della new wave andavano soppiantando le complicate sintassi dei movimenti preesistenti, in Italia il cantautorato diventava espressione istituzionalizzata di autarchia musicale, con risultati cosi disastrosi da far quasi gridare al miracolo quando si affacciò sulle scene il “vero rock” di Vasco Rossi. E’ improprio mettere in piedi simili paragoni? Non so, certamente la figura del songwriter all’estero ha maggior spessore, capacità e dignità di quanto abbia nel Bel Paese, e per un Alex Britti che si “rigira nella vasca” c’è un Ben Christopher che tesse raffinate trame sonore. E’ solo uno dei tanti esempi che si possono fare, ma dopo questo lungo preambolo entriamo nel merito. Alex James Muscat, musicista proveniente da San Francisco, ex membro di Ten To Six e Shrug con diversi demos all'attivo, rientra a pieno titolo nella categoria delle “one-man rock’n’roll band” : Blueprint è stato scritto, arrangiato, suonato, registrato e prodotto interamente dal titolare del lavoro, che nell’arco delle quattordici tracce di questo disco si diverte a spaziare tra gli stili più svariati, dall’hard rock dell’iniziale Motordrive e della successiva Easy (dove non è difficile cogliere echi dei Kiss d’epoca) alla ballad elettroacustica di Falldown e The Game (quest’ultima con delle somiglianze con il Francis Dunnery più “americano”), mentre altrove siamo vicini alle formule sempliciotte di bands come Green Day (è il caso di Old School e Address Book). Ma Muscat è capace anche di confezionare gustosi e pregevoli arrangiamenti, come gli archi presenti nella gradevole ballad Innocence o il bel giro di basso in Down The Road, pezzo che riporta alla memoria il Lou Reed di Rock’n’Roll Animal. Massicce dosi di hard zeppeliniano e delle sue filiazioni statunitensi sono rintracciabili in Earache #9 e Under Ground, reinterpretate con un approccio grunge che pervade l’intero lavoro, incentrato sulla voce ruvida e sulle efficaci schitarrate di Alex James Muscat, al quale bisogna riconoscere il merito di aver assemblato un lavoro all’insegna di una efficace semplicità, diretto e “urbano”, a cominciare dalla foto di copertina. Sempre meglio che “libevave le classi oppvesse” dalla propria villa sul lago …
Read more...