Cristina Nico | Mandibole

Go To Artist Page

Recommended if You Like
Kate Bush Patti Smith PJ Harvey

More Artists From
ITALY

Other Genres You Will Love
Rock: Adult Alternative Pop/Rock Rock: 70's Rock Moods: Solo Female Artist
Sell your music everywhere
There are no items in your wishlist.

Mandibole

by Cristina Nico

“Le mandibole sono un accessorio meccanico, che ci collega al resto del mondo animale, al bisogno di mordere, nutrirsi, lacerare, vomitare, urlare. Le mandibole sono un tramite. “Mandibole” è un disco intimo e a allo stesso tempo corale, meditato..."
Genre: Rock: Adult Alternative Pop/Rock
Release Date: 

We'll ship when it's back in stock

Order now and we'll ship when it's back in stock, or enter your email below to be notified when it's back in stock.
Continue Shopping
available for download only
Share to Google +1

To listen to tracks you will need to update your browser to a recent version.

  Song Share Time Download
1. Le creature degli abissi
3:42 $1.29
2. Formaldeide
2:35 $1.29
3. L'inopportuna
3:33 $1.29
4. Cocoprosit
4:29 $1.29
5. Giorno dopo giorno
3:41 $1.29
6. La litania dei pesci
5:26 $1.29
7. Mandibole
4:03 $1.29
8. Meteoropatia
3:01 $1.29
clip
9. Mother Stands for Comfort
4:16 $1.29
Downloads are available as MP3-320 files.

ABOUT THIS ALBUM


Album Notes
Cristina Nico dà alle stampe nel 2014 il suo primo disco di lungo respiro, “Mandibole”: registrato al GreenFog Studio da Mattia Cominotto con la produzione artistica di Tristan Martinelli (Numero 6, Roberta Barabino, Dejan e l’Orso Glabro) e masterizzato da Raffaele Abbate, il disco esce per la OrangeHomeRecords dello stesso Raffaele Abbate.

“Le mandibole sono un accessorio meccanico, che ci collega al resto del mondo animale, al bisogno di mordere, nutrirsi, lacerare, vomitare, urlare. Le mandibole sono un tramite. “Mandibole” è un disco intimo e a allo stesso tempo corale, meditato, masticato e digerito a lungo ma anche urgente. “Mandibole” è movimento di mascelle che scandiscono ossessioni interiori e bla-bla collettivi, che si cibano di tutto e tutto risputano fuori”.

“All’inizio volevo fare un concept album…sulla pausa-pranzo. O meglio, sulle visioni di un moderno commesso viaggiatore che tra un boccone e l’altro osservava e descriveva il mondo, il suo e quello esterno, attraverso metafore legate alla nutrizione. Di quel concept è rimasta ampia traccia nel disco: la title track Mandibole rimanda alla bulimia della nostra società, che inghiotte e vomita, che produce in continuazione, mastica e sputa fuori una quantità di informazioni che non possono però sostituire il bisogno di reale comunione con gli altri.”

Read more...

Reviews


to write a review