Eurasia | Ilmondoarovescio

Go To Artist Page

More Artists From
ITALY

Other Genres You Will Love
Jazz: Jazz Fusion Rock: Progressive Rock Moods: Type: Experimental
Sell your music everywhere
There are no items in your wishlist.

Ilmondoarovescio

by Eurasia

Un viaggio intenso che strizza l'occhio al Canterbury, al Jazz, alla Fusion e al rock senza mai dimenticare le proprie origini, sulle orme dei grandi gruppi progressive italiani d'altra epoca.
Genre: Jazz: Jazz Fusion
Release Date: 

We'll ship when it's back in stock

Order now and we'll ship when it's back in stock, or enter your email below to be notified when it's back in stock.
Continue Shopping
available for download only
Share to Google +1

To listen to tracks you will need to update your browser to a recent version.

  Song Share Time Download
clip
1. Un mondo a rovescio
6:38 $0.99
clip
2. Fatti i fatti tuoi
6:33 $0.99
clip
3. Il buio nero
4:34 $0.99
clip
4. L'avvenire di un'illusione
6:13 $0.99
clip
5. Il fantasma del tiranno
5:45 $0.99
clip
6. Vado contro
3:51 $0.99
clip
7. Il segreto nascosto
6:25 $0.99
clip
8. La luna in tasca
4:53 $0.99
clip
9. Bispensiero
7:42 $0.99
clip
10. Sorano tamoto
3:58 $0.99
Downloads are available as MP3-320 files.

ABOUT THIS ALBUM


Album Notes
Eurasia, neoformazione rock-fusion con Moreno Delsignore (voce), Marco Cavalllo (chitarra), Paolo Cagnoni (basso), Diego Marzi (batteria) e Simone Torriano (tastiere)
E' difficile accostare gli Eurasia ad un unico genere, e' questa la loro forza. E' un viaggio intenso che guarda al Canterbury, al Jazz, alla Fusion e al rock senza mai dimenticare le proprie origini, sulle orme dei grandi gruppi progressive italiani d'altra epoca. ilmondoarovescio. Dieci Brani da etichettare come si preferisce, i cui testi in Italiano rincorrono tracce di luce in questo periodo culturale di "notte intellettiva"
Un nome che evoca immediatamente la geopolitica. Certo. Un' idea non recente... uno spazio immenso da Lisbona a Tokyo. Evoca anche ideologie, letterature, tradizioni, culture, un immenso patrimonio culturale che noi sentiamo "nostro" e che sentiamo di far valere come "nostra" matrice di griglie epistemologiche, (come dicevano una volta le "persone colte") e in questi tempi di "reti" che rendono cosi' vicini ma cosi' distanti (e magari anche un poco rimbambiti) noi preferiamo tessere "tele", come piccoli infaticabili ragnetti polverosi della cultura... recuperiamo le nostre radici di un certo modo di fare musica italiana che in quest"eta' serializzata sembra inattuale e percio' prezioso perche' costa lacrime e sangue, ispirandoci nella testualita' alla grande cultura euroasiatica (ma anche strizzando l"occhio a quella popolare...nessuna hybris!). Da Freud a Dazai a... a buon intenditor poche parole.

Come Wittgenstein disse, in altro contesto, ma con disarmante ingenuita' e' impossibile tracciare al pensiero un limite. La terrificante neolingua del Socing, cruda esemplificazione del processo storico onnipervasivo della per-fusione ideologica del potere del presente sul presente, e' l"esempio stesso della possibilita' di quel limite. Il pensiero si puo' limitare, corrodere, distruggere semplicemente disinnescandone la portata espressiva, cancellando la razionalita' intrinseca del concetto e la sua capacita' dialettica. Un processo che vediamo gia' comunque all"opera nei suoi prodromi nel politically correct e nelle fake news di regime di ieri e di oggi, ben accoppiato con la costante tensione alla modifica del passato in una danza di coperture e damnatio memoriae tese a divenire fondamento di una mitologia dell"origine del dominio. Il potere e' sempre uguale a se stesso e cerca sempre di avere ragione. Anche a costo di distruggere. La ragione.

Hanno contribuito alla realizzazione di questo disco: Luigi Ranghino: pianoforte/tastiere nelle tracce n. 1, 4, 7 e 8 Alberto Mandarini: tromba nella traccia n. 9 Edoardo Gennaro: tastiere nelle tracce n. 3 e 9 Quartetto Artemide: archi nella traccia n. 10 Silvia Mangiarotti: violino Helga Ovale: violino Alyona Afonichkina: viola Cecilia Santo: cello (arrangiamento archi Moreno Delsignore e Paolo Cagnoni)

Testi e musica di Cagnoni, Cavallo, Marzi esclusa traccia n. 10 (Sorano Tamoto testi e musiche di Naho - TAJA, Ed. Sunrise Music Publishing Co.Ltd.)
Registrato presso Macellerie Sonore/Eurasia di Marco Cavallo da Paolo Cagnoni con Edoardo Gennaro Missato e masterizzato presso PFL studio da Federico Provini e Moreno Delsignore Prodotto da Paolo Cagnoni e Eurasia Supporto tecnico in studio: Edoardo Gennaro
Fotografie: Germano "Jerry" Pozzati - Edoardo Gennaro Ideazione copertina: Mauro Massa Impostazione grafica: Greta Massa

Prodotto da Paolo Cagnoni e Eurasia nel 2017
www.eurasiaband.it facebook.com/eurasiaband.it www.morenodelsignore.com Released by Banksville record - Pkmp Communications Ltd. London | All rights reserved - www.banksvillerecords.com




Read more...

Reviews


to write a review