Order 3 or more physical items and get 1¢ shipping
Eusebio Martinelli and the Gipsy Abarth Orkestar | Apolide

Go To Artist Page

Recommended if You Like
Emir Kusturica Goran Bregovich Les Négresses Vertes

More Artists From
ITALY

Other Genres You Will Love
World: Gypsy World: Balkan Moods: Mood: Fun
There are no items in your wishlist.

Apolide

by Eusebio Martinelli and the Gipsy Abarth Orkestar

Album that ranges from festive atmosphere and nostalgic at the same time and is influenced by sounds coming from different parts of the world although not belonging to no place in particular.
Genre: World: Gypsy
Release Date: 

We'll ship when it's back in stock

Order now and we'll ship when it's back in stock, or enter your email below to be notified when it's back in stock.
Sign up for the CD Baby Newsletter
Your email address will not be sold for any reason.
Continue Shopping
just a few left.
order now!
Share to Google +1

To listen to tracks you will need to update your browser to a recent version.

  Song Share Time Download
clip
1. Apolide
4:20 $0.99
clip
2. Danze sulla polvere
3:29 $0.99
clip
3. Surus
3:21 $0.99
clip
4. Grecale
4:41 $0.99
clip
5. Oleao
3:52 $0.99
clip
6. Le cantine di San Giglio
3:42 $0.99
clip
7. Sinfonia 5
6:56 $0.99
clip
8. Gazpacho remix (feat. DJ Tagadà)
6:13 $0.99
Downloads are available as MP3-320 files.

ABOUT THIS ALBUM


Album Notes
APOLIDE
music and arrangement by Eusebio Martinelli
CARATTERIZZATO DA RITMO DISPARI E MOLTO SERRATO DA' IL NOME L'INIZIO ALL'ALBUM.
BRANO SENZA CITTADINANZA, MUSICA SENZA CONFINI, CORSA CHE SI FA SEMPRE PIù ECCITANTE CON IL PROGRESSIVO AUMENTO DI SUONI E COLORI.
Characterized by odd and very shut rhythm it begins the album. Song without citizen, music without confinements, raced that it does him exciting with the progressive increase of sounds and colors more and more.
Eusebio Martinelli: trumpet, piccolo trumpet and baritone flugelhorn
Luca Cacciatore: alto saxophone
Mario Sehtl: violin
Igino Caselgrandi: drum
Gianluca Lione: electric bass
Sebastian Macìas Masera “De La Estacion” flamenco guitar

DANZE SULLA POLVERE
music, arrangement and lyrics by Eusebio Martinelli
SIAMO FATTI DI POLVERE E NELLA POLVERE CI PIACE DANZARE CELEBRANDO LE NOSTRE PASSIONI!
IN BALIA DELLE EMOZIONI, SU QUESTO VELIERO CHE E' LA VITA, ABBRACCIAMO TEMPESTE E SPLENDENTI GIORNATE DI SOLE, FACENDOCI RAPIRE DALLA MUSICA CHE NEL CORPO DIVENTA LA NOSTRA DANZA POLVEROSA.
We are made of dust and to the dust we like to dance celebrating our passions!
On the wave of the emotions on this ship that is life, we embrace storms and bright sunny days, letting us kidnap the music that the body becomes our dance dusty.
Eusebio Martinelli trumpet, baritone flugelhorn and voice
Mario Sehtl violin
Daniele Marzi drum and percussion
Gianluca Lione bass
Sebastian Macìas Masera “De La Estacion” flamenco guitar
Luigi Flocco accordeon and backing vocal
Dazi Bao and Chiara Scarpone backing vocal

SURUS
music and arrangement by Eusebio Martinelli
NOME DEL VALOROSO ELEFANTE DI ANNIBALE CHE A CAPO DELL'ESERCITO CARTAGINESE VALICO' LE ALPI. ALLA GIPSY ABARTH ORKESTAR SI AGGIUNGE IN QUESTO BRANO IL SEDUCENTE THEREMIN DI VINCENZO VASI IN CONTRASTO ALL'IMPONENTE E MAESTOSA MARCIA DEGLI ELEFANTI GUIDATI DA SURUS.
Name of the brave elephant Hannibal's Carthaginian army chief that crossed the Alps. At the Gipsy Abarth Orkestar is added in this passage the seductive theremin Vincenzo Vasi in contrast to the imposing and majestic march of the elephants led by Surus.
Eusebio Martinelli trumpet and baritone flugelhorn
Vincenzo Vasi theremin
Daniele Marzi drum and percussion
Gianluca Lione electric bass
Sebastian Macìas Masera “De La Estacion” flamenco guitar

GRECALE
music, arrangement and lyrics by Eusebio Martinelli
VENTO CHE SOFFIA DA NORD EST E MAGICAMENTE PORTA CON SE' TUTTA L'ENERGIA DELLA FESTA E DELLA GRANDE MUSICA BALCANICA. NELLA REALIZZAZIONE DI QUESTA IMMAGINE SI UNISCONO, IN UN INSOLITO ED EMOZIONANTE CONNUBIO, IL VIOLINO TZIGANO DEL BOSNIACO MARIO SEHTL E LA VOCE DI SUA MADRE, AMIRA SEHTL.
Wind blowing from the North East and magically brings all the energy of celebration and great balkan music. In the realization of this come together, in an unusual and exciting combination, the gypsy violin Mario Sehtl and the voice of his mother, Amira Sehtl.
Eusebio Martinelli: trumpet and voice
Amira Sehtl: female voice
Mario Sehtl: violin
Igino Caselgrandi: drum
Gianluca Lione: electric bass
Sebastian Macìas Masera: “De La Estacion” flamenco guitar
Luigi Flocco: accordeon and backing vocal
Dazi Bao and Chiara Scarpone: backing vocal

OLEAO
arrangements by Eusebio Martinelli on the soundtracks of italian film historians interpreted by Alberto Sordi
UN RITORNO ALLA "DOLCE VITA", UN DIVERTENTE ARRANGIAMENTO E UN'ORIGINALE INTERPRETAZIONE SU MELODIE TRATTE DA STORICI FILM DI ALBERTO SORDI, TRA CUI "O RUGIDO DO LEAO"
A return to the "sweet life", a fun and original interpretation of arranging melodies from historical Alberto Sordi's movies, including "O rugido do leao."
Eusebio Martinelli trumpet and barithone flugelhorn
Luigi Flocco accordeon
Fabrizio “Biccio” Benevelli soprano saxophone and bass clarinet
Igino Caselgrandi drum and percussion
Gabriele Gnudi tuba
Michele Barbagli electric guitar

LE CANTINE DI SAN GIGLIO
music arrangements and lyrics by Eusebio Martinelli and Michele Barbagli
ISPIRATO ALLA FESTA DELLE CANTINE APERTE DELL'ISOLA DEL GIGLIO. UN VIAGGIO FANTASTICO DOVE LA "CICALA", CELEBRE VINO DELL'ISOLA, ANIMA LA BANDA, LE QUADRIGLIE E DA' VITA A INGENUI CORTEGGIAMENTI.
Inspired by the celebration of “Open Cellars Island of Giglio”. A fantastic journey where the "Cicala", a famous wine of the island, becomes the protagonist and soul of the band, the quadrilles and gives life to naive courtship.
Eusebio Martinelli: trumpet, french horn and voice
Michele Barbagli: electric guitar, banjo, electric bass and back vocal
Igino Caselgrandi: drum and percussion
Fabrizio Benevelli: clarinet
Luigi Flocco: accordeon and backing vocal
Chiara Scarpone: backing vocal

SINFONIA 5
music and arrangement by Eusebio Martinelli
PRIVO DI QUALSIASI STRUTTURA PREDEFINITA E' IL BRANO IN CUI EUSEBIO MARTINELLI HA DATO PIU' CHE MAI SFOGO ALLA PROPRIA CREATIVITA'. RITMI GITANI E ALTERNANZA TRA ORCHESTRA E SOLISTI IN UN CRESCENDO SEMPRE PIU' ESPLOSIVO.
Devoid of any default structure is the song where Eusebio Martinelli has given more than ever rein to their creativity. Gypsy rhythms and alternating between orchestra and soloists in a growing increasingly explosive.
Eusebio Martinelli: trumpet and barithone flugelhorn
Daniele Donadelli: accordeon
Mario Sehtl: violin
Paolo Prosperini: guitar
Igino Caselgrandi: drum
Juan Rodriguez: darbouka
Gianluca Lione: electric bass
Luca Cacciatore: alto saxophone
Fabrizio “Biccio” Benevelli: barithone saxophone

GAZPACHO REMIX
music and arrangement by Eusebio Martinelli, remix by DJ Tagadà
BONUS TRACK CONCLUSIVA CHE AI LIVE DELLA GIPSY ABARTH ORKESTAR POTREBBE ACCOMPAGNARE I SALUTI E GLI ABBRACCI FINALI. DJ TAGADA' HA COSì RIVISITATO, IN STILE BALKAN BEAT, GAZPACHO: MINESTRONE GITANO E CAVALLO DI BATTAGLIA DEL PRECEDENTE E FORTUNATO ALBUM DI EUSEBIO MARTINELLI.
Final bonus track on the album that could accompany the greetings and hugs to the final concerts of the Gipsy Abarth Orkestar. DJ tagada thus revisited, style balkan beat, Gazpacho: gypsy soup and workhorse of the previous successful album Eusebio Martinelli.
Eusebio Martinelli: trumpet
Marco Frattini: drum and percussion
Nicolò Fiori: double bass
Paolo Schianchi: flamenco guitar
Daniele Donadelli: accordeon

Mixing by Luca Serio Bertolini at “Yonder Studio”
www.yonderstudio.it

Mastering by Giovanni Versari at “La Maesta” mastering Studio

Artwork by Robert Kondorosi
artwork@budzillus.de
www.budzillus.de

Press Office: Kabukista
www.kabukista.it
info@kabukista.it

Booking Agency: Make A Dream
www.makeadream.it
info@makeadream.it
0039 348 6011325

Produced by Eusebio Martinelli
www.eusebiomartinelli.com
info@eusebiomartinelli.com

Thanks to:
all the people who helped giving me suggestions, inspiration and encouragement to the realization of this work.

all the musicians who in recent years have been part of the family Gipsy Abarth Orkestar and with whom I had the honor and the pleasure of sharing the stage, road and beautiful adventures. Thanks to their great musicality was possible the realization of Apolide!

Read more...

Reviews


to write a review

Daniele Cestellini per BlogFoolk

...la successione dei brani è ben rappresentata dall’immagine di una frusta sbat
Eusebio Martinelli è un musicista che, parallelamente alle numerose collaborazioni con artisti di primo piano del panorama nazionale e internazionale (Vinicio Capossela, Mau Mau, Modena City Ramblers, Calexico, Kocani Orkestar), ha coltivato una carriera solista che lo ha portato a produrre una musica originale, caratterizzata da un suono uniforme e un andamento ritmato, aggrappato saldamente alla sua tromba funambolica. Funambolico è tutto lo scorrere di Apolide - il secondo album a suo nome, suonato, come Gazpacho del 2011, con la Gipsy Abarth Orkestar - che ci strattona fino a farci sobbalzare all’inizio di ogni brano, senza però privarci di momenti caratterizzati da una visione più articolata e una gestione degli arrangiamenti a tratti inaspettata. In generale l’album si attesta su un “frenetismo” evidentemente gitano e balcanico - uno spettro sonoro e culturale al quale questo trombettista, allievo di Neldo Lodi, “storica tromba solista dei più celebri film di Sergio Leone”, attinge senza esitazione - al quale però, con un’attenzione che è necessario sottolineare, sembra sia riuscito a sottrarre (o almeno ad assottigliare) la riproposta e la reiterazione del beat più tradizionale. Un beat che - come abbiamo avuto modo di osservare anche con altre formazioni di cui si è parlato in queste pagine - mantiene, nella sua andatura zoppa e strutturalmente sbilenca, un’irriducibile forza, che attrae, anche se forse non costantemente, il favore di un pubblico molto numeroso e internazionale. Un beat, però, che solo attraverso l’apporto di musicisti illuminati - e quindi in casi tutto sommato sparuti - riesce a uscire dai suoi schemi più rigidi, suggerendo una sfumatura non solo più contemporanea ma anche più originale. Tenendo conto di questo quadro, Martinelli, invece, ci fa un doppio regalo. Prima di tutto, come dicevo, non aderendo in modo esclusivo alle versioni più tradizionali e incallite del groove balcanico. In secondo luogo - forte di una formazione maturata attraverso le collaborazioni di cui sopra, lo studio della musica classica e la frequentazione di diverse orchestre classiche, jazz, fanfare, fino ad arrivare a suonare con artisti del calibro di Marc Ribot o Michel Godard - proponendoci la visione personale di una musica sintetizzata in modo “sano”, cioè attraverso l’esperienza e non soltanto l’alchimia dei generi. E con Apolide non ha deluso le aspettative che aveva creato con la sua prova d’esordio da solista e con le partecipazioni ai progetti di tanti esponenti del panorama musicale alternativo italiano e non solo (tra questi mi piace ricordare Vox Creola di Morino Migrante, alias Luca Morino). La successione delle otto tracce è ben rappresentata dall’immagine di una frusta sbattuta a terra con forza, le cui oscillazioni producono una serie di risonanze inaspettate e diffondono nell’aria le scaglie di una deflagrazione sorda, smorzata dalla polvere che si alza da terra. Ogni scaglia è un nuovo strumento che si aggrappa alle frustate della tromba di Eusebio: limpida, secca, definita e aperta a mille combinazioni. Aperta, ad esempio, a una danza visionaria e oppositiva con il theremin, lo strumento “divergente” che si suona senza toccarlo (interrompendo con il movimento delle mani le frequenze prodotte fuori dallo spettro udibile) e che ha stuzzicato l’immaginario di tanti musicisti: da Jimmy Page a Capossela. Proprio dalla ghenga di quest’ultimo arriva Vincenzo Vasi, compositore e polistrumentista, che in Surus - brano dedicato all’elefante con cui Annibale valicò le Alpi - si presta con il suo theremin a rivoltare un brano strumentale energico e ostinato, costruito su una linea di tromba efficace, dall’andamento spezzato e coinvolgente. Il theremin arriva prima in alternanza alla tromba - soluzione che si ripropone anche in altri passi del brano - per poi spingersi a interpretare il tema principale. Il risultato è interessante e piacevole, perché definisce un’interazione ambigua, che nei momenti di crescendo - nei quali gli strumenti ritmici si amalgamano quasi all’unisono alla tromba - il theremin assorbe il fragore e ci sospende in una bolla liminale priva di elementi di riferimento. Queste sferzate accrescono la densità del flusso dei suoni, grazie anche all’apporto di altri strumenti con i quali Martinelli ispessisce la trama del suo racconto. Tra questi vanno senz’altro citati il sax soprano e il clarinetto basso (suonati da Fabrizio “Biccio” Benevelli), la fisarmonica di Daniele Donadelli, il violino bosniaco di Mario Sehtl e la chitarra flamenco di Sebastian Macìas Masera.
Read more...

Raffaella Sbrescia

Ritratti di note
“Apolide” è il termine che racchiude il titolo e lo spirito del nuovo album di Eusebio Martinelli, il virtuoso trombettista che, con l’inseparabile Gipsy Abarth Orkestar, diverte e conquista grazie a nuovi gustosi elementi: sonorità, collaborazioni, testi e sfumature nuove assorbono e fanno propria l’anima artistica di Martinelli che, restando fedele al proprio background, approfondisce e sviscera il suo mondo privo di confini e limitazioni. “Apolide” è, infatti, un viaggio coinvolgente e sfrenato, trainato dalle vele di un veliero fatto di inchiostro nero, pieno di note cosmopolite. Il folk si sposa alla trascinante baldanza della tradizione balcanica e tzigana, trovando inedite vie espressive attraverso il virtuosismo dei numerosi musicisti che hanno preso parte a questo meritevole progetto. La prima traccia dell’album è la title track “Apolide”: un ritmo serrato ed incalzante vitalizza suoni e colori di una non dimensione. “Danze sulla polvere” è la prima delle tre tracce cantate, la bellezza che inebria le idee rompe le catene imbevute di ego e vanità. Siamo fatti di polvere, meglio ricordarlo ballandoci su. “Surus” è un brano mistico, ispirato dal nome del valoroso elefante di Annibale che, a capo dell’esercito Cartaginese, valicò le Alpi. “Surus” si riveste di ipnotico fascino grazie al seducente theremin del polistrumentista Vincenzo Vasi che, come Martinelli, vanta una durevole collaborazione con Vinicio Capossela. Il brano più intenso del disco è “Grecale”: il canto di Amira Sehtl si sposa al violino tzigano di suo figlio Mario Sehtl, creando un’immagine solenne e festosa al contempo. Musica e pensieri si lasciano accarezzare da una brezza di emozioni provenienti da Nord-Est. “Oleao” rappresenta, invece, il brano caciarone. L’originale reinterpretazione delle melodie tratte dagli storici film di Alberto Sordi riesce a disegnare un sorriso sul volto. “Le cantine di San Giglio” è il titolo di una canzone ispirata ad una ricorrenza che, più di una festa, rappresenta l’occasione di un viaggio cullato da un timoniere speciale, la “Cicala”, il celebre vino dell’isola, in grado di animare amori e melodie. Libero sfogo alla creatività di Martinelli in “Sinfonia 5”: orchestra e solisti si alternano tra ritmi gitani e le inflessioni più tipicamente mediterranee fino a convergere in un travolgente crescendo finale. A chiudere il disco è il remix realizzato da Dj Tagadà di “Gazpacho”, brano tratto dal precedente omonimo album di Martinelli. Un balkan beat perfetto per concludere una festa di note.
Read more...

Antonella Casteldi per "Extra"

"Insomma, davvero irresistibile"
In questo bel concentrato di musica gitano-ispanica, fatto di colori, profumi, suoni che ripropongono in versione
strumentale tradizioni popolari di terre vicine, in parte sconosciute o ingiallite dal tempo, il trombettista italiano
Eusebio Martinelli – già noto per aver collaborato con nomi quali Modena City Ramblers e Vinicio Capossela - e la
Gipsy Abarth Orkestar ci regalano quasi trenta minuti di ritmi effervescenti, vivaci, gustosi proprio come un piatto di ”Gazpacho” da cui prende il nome l’album. Il lavoro infatti propone una miscela di ingredienti accuratamente
selezionati e combinati in modo tale da soddisfare anche i palati più raffinati. Il risultato? Un cd di durata tollerabile che si fa apprezzare per la potenza delle basi ritmiche e la malinconica-allegra bellezza di ballate che ripropongono tutto il folklore gitano alla Goran Bregovich e alla Emir Kusturica, alternando brani originali a quelli della tradizione balcanica nei quali primeggiano accordéon, trombe, violini gitani e chitarre flamenco.
Insomma, davvero irresistibile.
Read more...

Un disco colorato, che prende forma su di una tavolozza

IndiePerCui
Un disco colorato, che prende forma su di una tavolozza pronta a riempire i vuoti esistenziali di una tela bianca, insignificante e priva di spessore, un disco pronto a riempire di arcobaleni i giorni più tristi, i giorni tutti uguali.
Eusebio Martinelli, dopo aver raccolto i frutti di un primo disco e più di 200 date dal vivo in tutta Europa, si lascia trasportare dall’irrefrenabile passione che lo contraddistingue da tempo e confeziona un album caratterizzato dal marchio di fabbrica ormai conosciuto che lo porta ad incrociare il folk alla tradizione balcanica e tzigana con la banda di fenomeni virtuosi: Gipsy Abarth Orkestar.
Il disco è stato concepito per i cittadini del mondo, quelli che non credono in distinzioni o barriere, anche perché Eusebio, forte di questo pensiero, si fa portavoce soprattutto di un’ode al viaggio come simbolo di rivalsa e di vittoria nei confronti del piccolo giardino che è dentro ad ognuno di noi e che con la forza deve essere sradicato per lasciar spazio a qualcosa di più forte, vivo e vero.
I ritmi travolgenti ci fanno presto sognare e le uniche tracce cantate: Danze sulla polvere, Grecale e Le cantine di San Giglio sono la conferma che si può raccontare un passato, un vissuto, come fosse istantanea che tutti possiamo cogliere, capire e comprendere.
Un album per la bella stagione, un album per tutte le stagioni, un disco che porta la dimensione onirica a realtà per farci vivere intense esperienze anche nel salotto della nostra casa.
Read more...

Marco Baroni per "Musica Popolare"

"Apolide" è il crocevia del mondo che cambia
Paradossalmente "Apolide", firmato da Eusebio Martinelli And The Gipsy Abarth Orkestar, non è solamente un disco rock ma è verosimilmente molto di più. "Apolide" è il crocevia del mondo che cambia, del mondo in continua evoluzione, del mondo che avanza, è il rock contaminato dai profumi gitani, dai balli colorati e dalle feste infinite. Il sound proposto da questo artista si pone -esattamente- al centro tra quello dei francesi Les Negresses Vertes e gli italiani Mau Mau. Questo lavoro rappresenta un caleidoscopio di varie espressioni colorate della vita, in queste composizioni c'è tutta la terra che vive. Certo non c'è nulla di nuovo in "Apolide", ed alle volte il cosidetto "già sentito" fa capolino, ma è solo un attimo. C'è una sperticata comunione d'intenti in questo cd, nel senso che Eusebio cerca -con tutte le forze possibili- di creare un qualche cosa di inevitabilmente "bello" ed indivisibile, proprio come delle splendide nuvole che arrivano e spariscono.
Read more...

Francesco Casuscelli per "Rockerilla""

...un inno al ballo, alla legerezza, un’esplosione...
Più lo ascolti, e più ti rendi conto di quanto un supporto come il compact stia stretto a questo progetto, che dal vivo promette meraviglie. Perchè ogni traccia in scaletta è un inno al ballo, alla legerezza, un’esplosione che suonata a volume alto rende benissimo. Il grosso merito di Apolide sta nella sua capacità di parlare una lingua facile da comprendere a chiunque abbia un minimo di dimestichezza col ritmo e tutti i suoi derivati. Non bisogna essere appassionati di sonorità balcaniche per ritrovarsi in questo album che arriva e si mostra subito per quello che è, ovvero la chiave per staccare la spina una mezzoretta. INTERESSANTISSIMO

Francesco Casuscelli
Read more...

Max Sannella per FreackOut

Apolide: centrifuga di suoni e mondi, con sferzate di libertà espressiva.
Prosegue la full immersion del trombettista Eusebio Martinelli e la sua Gipsy Abarth Orkestar nella camera del rimbombo festoso, zona sonora emotiva da cui transitano estetiche multiformi, dalla frenesia gitana ai venti Balcanici, dalle spume mariachi ai meltin’pot senza confini, disco – questo nuovo Apolide - che centrifuga suoni e mondi con le sferzate di una libertà espressiva fresca e dalle accelerazioni che sprizzano vita; tutto è un calore armonico e baldanzoso che sviluppa una dilatazione mentale cosmopolita non appena il disco si mette in moto, senza contare poi la dimestichezza totale dell’artista con la materia trattata in questo viaggio carrettero e dalle mille luci sfavillanti.
Grande performances di tromba e ritmi frenetici, languidi passi di danza e sangue bollente in un susseguirsi di stimoli e amori riflessi che appassionano l’ascolto come un volo trasgressivo dentro, oltre e ancor più in la questa terra che oramai ci va stretta; sette tracce, un remix finale e una sfilza di ospiti sono il “potere fulminante” di questo album, dove senso ed intensità sono i gioco forza di uno sguardo allargato della vita e dei suoi filamenti, e se poi ci vogliamo anche mettere nel contesto anche il cuore, allora si che qui si scommette in grande.

A voi il gusto di scoprire le tracce, a voi l’entusiasmo di un baccanale dal sangue misto che arriva, si ferma giusto il tempo di caricarvi d’esistenza viva e riparte a mille lungo le strade sonanti di un pallone mezzo sgonfio chiamato Terra. Buon Viaggio!
Max Sannella per FreakOut
Read more...

Marimekko per "MusicMap"

...energia travolgente e sfrontata dalla quale è impossibile non farsi coinvolge
Torna, dopo il fortunato esordio con ”Gazpacho”, Eusebio Martinelli, giovane trombettista tra i più promettenti del panorama italiano, che, dopo un tour in tutta Europa da più di 200 date, ci regala un nuovo disco, ”Apolide”, e fa centro pieno di nuovo. Il disco è pervaso da una malinconica allegria, in puro spirito gitano, che percorre ogni nota: Martinelli e la sua scatenata banda ci trascinano in una baraonda di suoni e momenti festosi, con un’energia travolgente e sfrontata dalla quale è impossibile non farsi coinvolgere e che promette di essere ancora più irresistibile in versione live. Tra i brani migliori ci sono ”Grecale”, che inizia con la struggente e vibrante voce di Amira Sethl (madre del bravissimo violinista della Gipsy Abarth Mario Sethl) e poi apre su atmosfere più leggere, ”Surus”, con il suo imponente crescendo e la seduzione del theremin di Vincenzo Vasi, e ”Sinfonia numero 5” in cui Martinelli, coadiuvato dalla fisarmonica di Daniele Donadelli, sfoggia tutta la sua creatività e il suo virtuosismo, dimostrando pienamente, se ancora ce ne fosse stato bisogno, perché è diventato il collaboratore di fiducia di artisti come Vinicio Capossela, Negramaro, Modena City Ramblers e tanti altri. ”Apolide” è un gran bel disco, composto ottimamente, suonato magnificamente da musicisti di rara bravura e intensità raccolti tutti insieme sotto la guida sicura e competente di Eusebio Martinelli. L’unico consiglio che si può dare, a un disco praticamente senza difetti, è di osare un po’ di più, rischiare qualcosa di più ardito: Martinelli è un virtuoso e può sicuramente permetterselo. (Marimekko)
Read more...