Order 3 or more physical items and get 1¢ shipping
Try Trio | Sphere

Go To Artist Page

Other Genres You Will Love
Jazz: Avant-Garde Jazz
There are no items in your wishlist.

Sphere

by Try Trio

Nicola Fazzini - a. sax, Gabriele Evangelista - bass, Francesco Cusa - drums. "A work around the music of Thelonious Monk"
Genre: Jazz: Avant-Garde Jazz
Release Date: 

We'll ship when it's back in stock

Order now and we'll ship when it's back in stock, or enter your email below to be notified when it's back in stock.
Sign up for the CD Baby Newsletter
Your email address will not be sold for any reason.
Continue Shopping
available for download only
Share to Google +1

To listen to tracks you will need to update your browser to a recent version.

  Song Share Time Download
clip
1. Almanacco Del Giorno Dopo
4:01 $0.99
clip
2. Epistrophy
7:14 $0.99
clip
3. Storie Di Rumori E Groove
3:45 $0.99
clip
4. B. S. Suck My Balls!
3:19 $0.99
clip
5. Monk's Mood
3:24 $0.99
clip
6. Bye-Ya
4:46 $0.99
clip
7. Usque Ad Sidera, Usque Ad Inferos
2:39 $0.99
clip
8. Amore E Cilindri
3:57 $0.99
clip
9. In Walked Bud
4:14 $0.99
clip
10. I Mean You
6:19 $0.99
Downloads are available as MP3-320 files.

ABOUT THIS ALBUM


Album Notes
Nicola Fazzini - sax, Gabriele Evangelista - contrabbasso, Francesco Cusa - batteria

Esplorare l’universo sonoro di Monk è ancora – a 2013 inoltrato – un’esperienza sorprendente, spiazzante, intrigante. Accostarsi ai materiali tematici, ai riff, alle strutture del grande maestro afroamericano, farlo definendo appena il canovaccio di una sua composizione, è ancora un atto spregiudicato. Occorreva aggirare le trappole della citazione ad effetto, della struttura riposante, della melodia-boa, dell’appiglio contro l’abisso. Ciò perché il punto di partenza, il liquido amniotico da cui intraprendere il “viaggio”, è stato quello dell’improvvisazione totale, di una ricerca timbrica, sonora e ritmica che conducesse agli approdi di riferimento, alle vestigia monkiane. In queste camere sperimentali, per queste stanze sonore, abbiamo giocato a “rincorrerci”, con brevi soste, per dare senso tematico al diletto, a questo “suonare insieme”. Un viaggio onirico, forse, per acque apparentemente chete, alla ricerca di affioramenti, di reperti e di isole quali tappe del nostro errare. Un progetto a-leaderistico, paritario, in cui ogni individuo-strumento dei “Try Trio” risponde a chiamate arcaiche e senza tempo, quali quelle del Verbo di Monk: monade in costante mutazione [fonte: Improvvisatore Involontario]

Read more...

Reviews


to write a review